LA STORIA CONTINUA

Febbraio 2006

Sono già trascorsi 5 mesi dalla nostra ultima visita a Philadelphia ed è arrivato il momento di raccontarvi tutte le novità. Questa volta il tempo è volato, inizialmente abbiamo affrontato molti problemi per adattarci al nuovo programma e per ottenere ed installare i macchinari necessari. L' Harness per il programma di gravità libera che doveva essere spedito dall'Italia visse una vera odissea prima di atterrare in terra chiapaneca. Ci furono molti piccoli problemi da risolvere ma nessuno di questi ci fece fare marcia indietro.

Abbiamo ricevuto la visita dei miei genitori dalla Germania, si sono fermati due mesi aiutando in ogni attività e facendo parte del nostro piccolo mondo. In un colpo d'occhio hanno individuato tutti i problemi e chiaramente non sono bastati due mesi perchè li risolvessero tutti. Per Rosa e Maria questa visita è stata di grande stimolo; Maria dopo due anni che non usciva dalla città è andata in vacanza con i nonni .

Abbiamo però vissuto anche una vicenda triste: è mancato Don José María, uno dei nostri volontari nelle terapie, a causa di una grave malattia. Rosa ha dimostrato molta maturità in questa occasione. Don José voleva molto bene a Rosa e con lei andavamo a fargli visita tutti i giorni. Lei andava direttamente al suo letto e gli stringeva la mano. Ora lui non è più con noi, ma sappiamo che ci sta guardando dal cielo ; auguriamo tanta fortuna alla sua famiglia.

Ogni giorno pensiamo che molti di voi ci stiano guardando e accompagnando da lontano o da vicino, sostenendoci spiritualmente, materialmente, economicamente o fisicamente.

Sempre grazie a tutti voi. 



LE NOSTRE VITTORIE

Spero non siate stanchi di tanti dettagli sullo sviluppo di Rosa! Li scrivo perché molti sono ripresi dalle relazioni che inviamo ogni due mesi agli Istituti per il Raggiungimento del Potenziale Umano,

Quello che scrivo di seguito ne è solo un riassunto.



AREA FISICA

Cinque mesi fa Rosa camminava in media 600m in mezz'ora. Adesso nello stesso tempo, cammina su un terreno piano da 1000 a 1200m senza sosta. Cammina per 90min al giorno e a volte cerca di correre. Tuttavia il suo equilibrio non è molto stabile, ma sta migliorando. Il suo programma include camminate in piano, salita e discesa. 

L'abilità manuale di Rosa è migliorata molto in questo periodo, ha molta forza nelle sue mani e una presa molto forte. Giornalmente si appende 20 volte ad una sbarra ed ha imparato a reggere il proprio peso da sola per 3 secondi, conseguentemente ha imparato ad unire il dito pollice con l'indice, quella che negli Istituti si chiama posizione corticale. 

Ultimamente sfoglia bene i suoi libri senza più romperli, come prima usava fare, presa dalla disperazione di non poter girare le pagine. Come potemmo vedere alla festa di Natale del centro Manos Amigas, Rosa può battere col bastone alla pignatta. Stiamo seguendo il programma di gravitazione libera, questi divertentissimi voli ci occupano circa un'ora tutti i giorni e aiutano Rosa a migliorare il suo equilibrio.







 

AREA FISIOLOGICA

Nell'ultima visita ci venne indicato il programma della terapia respiratoria che veniva eseguita per due ore da mio marito e da un volontario; immediatamente ho avuto il tempo per mostrarle molti libri, fotografie ed opere di artisti (le piacciono molto quelle di Rivera e Dalì) e di continuare le lezioni di lettura e matematica.

Adesso una macchina respiratoria si occupa di questa terapia e Rosa dorme attaccata ad essa tutta la notte.

Continuiamo anche a fare 50 mascherine respiratorie al giorno per migliorare l'ossigenazione del cervello, oltre a 6 sedute di movimenti incrociati degli arti per migliorare la coordinazione.

La migliore notizia: Rosa non si è ammalata in tutto l'anno.

 




 

 

AREA INTELLETTUALE

In questo periodo abbiamo posto particolare attenzione al programma intellettuale e siamo riusciti ad organizzarci bene.

Rosa ha incominciato a comunicare attraverso una tavola a risposta multipla, le scrivo da 2 a 10 opzioni per ciascuna domanda e Rosa segna la sua risposta.

Ti è piaciuto il libro?



Cosa vuoi fare?



Chi fu la sposa di Diego Rivera?



 

Ho sempre saputo che Rosa è molto intelligente, ma non mi sarei mai immaginata una comprensione così ampia.  Sa tutto quello che le mostro nelle letture: sa se l'elefante africano ha le orecchie piccole o grandi, che Vincent van Gogh era un pittore che visse in Olanda, che la balena è un mammifero, ecc. Inoltre risponde a cose che non le ho mai insegnato direttamente, come per esempio dove è nato suo padre, quanti anni ho, da quali paesi provengono i volontari stranieri che lavorano con noi. 

Esprime chiaramente le sue emozioni (arrabbiata, triste, annoiata) e le sue opinioni (io, sua mamma sono carina ma magra). Sa la sua età, quella di Maria ecc.

Mi dice le sue opinioni sui libri che abbiamo fatto in casa, a volte non le piacciono perchè contengono troppo poche informazioni. Una volta mi ha detto riguardo al libro “Los niños Héroes” (Historia de México) che non lo capiva, così ho potuto spiegarle alcune cose e ora lo apprezza molto di più.



 

Il suo linguaggio è migliorato molto, quando le faccio vedere  libri che già conosce “legge” a “voce alta”. Ho un libro dove si ripete molto la parola acqua(agua) e lei lo legge in questo modo: dadadadla la pa ba ..agua. E' evidente che lei prova a pronunciare le parole ed a volte suonano simili.



 

Usa pure gesti specifici (bacio, mangiare, lavare le mani, che bella musica) per comunicare.

Fino ad oggi Rosa ha visto un totale di 3926 parole singole ( 3442 in spagnolo, 484 in tedesco), 1683 frasi e pensieri interi, 130 libri fatti in casa.  Abbiamo potuto diminuire la grandezza dei caratteri fino a 1,2cm per le maiuscole e 0.8cm per le minuscole. 

Rosa cerca e segna le parole che le chiedo in un testo di al massimo 25 parole, non vuole più che io legga le frasi ma vuole farlo indipendentemente, anche se non riesce ancora.

Rosa capisce tutto anche se parliamo a voce bassa o velocemente, capisce anche discorsi di vita quotidiana in tedesco. Adesso ha 6 anni ma è al livello di comprensione di sua sorella che ne ha 8 e sta studiando sui libri di terza elementare, se li presento a lei in forma di libri fatti in casa: per ottenere questi libri scannerizzo immagini e scrivo in lettere più grandi il testo perché la lettura sia più facile per Rosa. Anche Maria impara più velocemente così. 

Rosa ha molti interessi in scienze naturali, funzionamento del corpo umano, es: digestione, nutrimento, cuore, gravidanza ecc.. Le leggo molte biografie di personaggi famosi ed artisti, libri sul suo programma, sulla sua storia e sui membri della sua famiglia. Sto creando libri sui problemi come guerra e inquinamento dell'ambiente ecc. Affinchè Rosa trovi interessanti questi libri essi devono essere ricchi di particolari emozionanti.   

Va molto bene in geografia, perchè ogni volta che menziono un luogo nei suoi libri , le pongo nella pagina accanto la carta geografica. La cosa positiva è che Rosa mi dice sempre se capisce oppure no, se può o meno leggere il testo da sola e che tipo di carattere preferisce.

Ogni parola che compare nei libri è introdotta inizialmente come parola singola. Mio padre ha disegnato un programma al computer che segnala tutte le parole del testo che Rosa ha già visto per assicurarsi che lei veda sempre tutte le parole necessarie prima di guardare libri e leggere frasi nuove.

Rosa è molto interessata alla matematica, riconosce facilmente le quantità e risolve semplici problemi di aritmetica: 4+5=9 ecc. Ma continua ad avere problemi con i numeri grandi (più o meno dal 30 in su).

Adora sfogliare libri illustrati e vedere film, con una preferenza per i documentari del Discovery Channel.



Però le pupille dei suoi occhi sfuggono con frequenza e Rosa deve sforzarsi molto per dirigere lo sguardo, inoltre ha problemi a vedere in profondità. Non guarda per terra quando cammina e si orienta attraverso il tatto. I rametti degli alberi o le piante che compaiono sul suo cammino le causano confusione e le fanno sbattere ripetutamente le ciglia.

Rosa riconosce e soffre sempre di più del fatto che non riesca ad esprimere la sua intelligenza (per esempio non riuscendo a parlare).

Sta imparando ad adattarsi socialmente ed a seguire alcune regole di comportamento. Sto creando molti libri su  questo tema come ad esempio “come mangiare correttamente”, e “comunicazione”. A volte Rosa si fissa su alcune attività e cose e non riesce ad abbandonarle. Per esempio se vede una scopa, comincia a spazzare la stanza e non c'è modo di smettere. Oppure quando vede un mobile o qualcosa che può spingere davanti a lei, lo deve assolutamente fare ed è molto difficile che lo lasci.

 


 

Speriamo di riuscire a superare anche questi problemi e di vederla un giorno giocare in un gruppo di bambini come fa sua sorella Maria.

Maria sta partecipando a tutto e beneficia allo stesso modo del programma intellettuale. Le piace andare in bicicletta e fare tutti i tipi di sport. E' migliorata molto a scuola e ha partecipato a due opere teatrali sotto il periodo natalizio nel ruolo di “Rodolfo la renna” e “Angelo”. I costumi sono stati disegnati dalla mano dei suoi nonni.  



Papà si è guadagnato una medaglia d'oro in questo periodo, si è impegnato moltissimo nel programma, occasionalmente per giorni interi, mentre la mamma si occupava di stilare il programma intellettuale o riordinava alcune cose di Vientos Culturales.

Ogni volta apprezziamo sempre più, di essere una famiglia speciale e di scoprire tutta la forza che c'è in noi. 

Questa forza arriva anche da voi.

Affettuosamente Elke, Darinel, Maria e Rosa

 

Salire